Squadrette

Due tra gli strumenti del disegno tecnico più utilizzati sono le squadrette, strumenti di forma triangolare utilizzate normalmente in coppia.

Abbiamo così:

  • una squadretta detta scalena, nella quale il lato più lungo (ipotenusa) forma con i lati più corti (cateti) angoli di 30° e 60°;
  • una squadretta isoscele, nella quale l’ipotenusa forma con i cateti due angoli uguali di 45°.

SetSquadreIl materiale utilizzato è normalmente plastica (acrilico proprio per le sue caratteristiche di trasparenza), ma se ne possono trovare anche in metallo o legno. Ovviamente le più resistenti sono quelle in metallo, in disuso ormai quelle in legno, suscettibili di deformazioni, mentre quelle più usate sono le squadrette in plastica perché leggere, economiche e trasparenti e consentono dunque di tracciare le linee vedendo il disegno sottostante così da permettere una maggiore precisione. Su uno dei cateti, chiamato ala, è sovrimpressa una striscia graduata per la misurazione dei tratti.

UN PO’ DI STORIA

La prima comparsa delle squadrette per uso tecnico risale al periodo greco e romano. Si trattava di due bracci fissati tra loro, largamente utilizzati nelle officine e nei cantieri. Solo dal ’600 la squadretta acquisì una forma a triangolo pieno con tre asticelle unite come nello strumento attuale, inclinate in modo tale da formare angoli da 30°, 45° e 60°.
All’attuale acrilico come materiale da costruzione, si arrivò solo in seguito all’uso di altri differenti materiali tra i quali il legno, il metallo (ferro o bronzo), l’avorio e l’osso. Dall’800 si impiegò anche la celluloide e successivamente l’alluminio per la sua leggerezza e lavorabilità. Solo nel ’900 si approdò all’attuale acrilico (sostanza sintetica e trasparente) come materiale da costruzione.linee parallelelinee angoli

Squadretta zoppa

SquadraZoppaEsistono anche altre versioni di squadrette tecniche utilizzate in officina, dette squadre zoppe. In queste, un lato è assente (normalmente l’ipotenusa) ed il cateto più corto è utilizzato a martello in modo da poter essere appoggiato ad un bordo come guida per tracciare linee parallele o perpendicolari.



Primo anno scolastico Terzo anno scolastico Secondo anno scolastico Video

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.