IL TELETRASPORTO: DA STAR TREK ALLA REALTA’

Chi non ricorda Star Trek, il mitico telefilm di fantascienza famoso per l’Enterprise, il capitano Kirk e il vulcaniano Spock? Pochi credo. Ma una delle cose che hanno sempre colpito l’immaginario collettivo e fatto desiderare ciò che si poteva fare nel telefilm è sempre stato il teletrasporto, ossia la capacità di spostare la materia (persone e oggetti) da un punto all’altro nello spazio.

 Questa possibilità è già conosciuta e possibile da molto tempo, ma solo a livello quantistico, ossia delle particelle e unicamente nel loro universo (quantistico).

Oggi, però, pare che gli scienziati siano riusciti nell’intento di realizzare questo trasferimento nel campo della fisica classica, ossia della materia.
La ricerca, è stata sviluppata da due fisici dell’Università di Jena, i professori Alexander Szameit e Marco Ornigotti ed è stata descritta sulla rivista Laser and Photonics Reviews.

teletrasporto

La base di partenza della loro ricerca, è stata appunto la possibilità già nota nella fisica quantistica di poter trasportare a distanza e in maniera istantanea un’informazione a livello molecolare, ossia il principio di delocalizzazione spaziale delle particelle.
Gli scienziati, hanno sfruttato le caratteristiche di un particolare raggio laser la cui luce può creare quello che in gergo tecnico viene definito un “entanglement”, cioè una correlazione tra due proprietà. La particolarità è che questa volta l’entanglement si è stabilito non a livello quantistico, ma tra elementi correlati all’interno dei parametri della fisica classica.

Marco Ornigotti, puntualizza quanto realizzato in laboratorio: “abbiamo collegato l’informazione che volevamo trasmettere a una particolare proprietà della luce“. Si tratta di un risultato mai raggiunto da alcuno; i due scienziati, hanno codificato una serie di informazioni sfruttando una particolare direzione di oscillazione del campo elettrico del raggio laser, proprietà della fisica classica, e trasmesso o teletrasportato quest’informazione sulle frequenze della luce laser. Purtroppo, paradossalmente, questa forma di trasferimento non può coprire alcuna distanza perché questo tipo di teletrasporto funziona solo a livello locale.
Per i due scienziati, questa scoperta apre enormi applicazioni legate ai sistemi di telecomunicazioni oggi utilizzate, creando nuovi e più vantaggiosi sistemi di trasferimento delle informazioni capaci di sfruttare il doppio canale del sistema quantistico e quello classico.

Primo anno scolastico

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.