Quattro nuovi elementi sulla tavola periodica

Una grande scoperta arricchisce la tavola di Mendeleev, conosciuta anche come Tavola degli Elementi.

Tre team di scienziati e ricercatori dal Giappone, dalla Russia e dagli Stati Uniti hanno scoperto l’esistenza di quattro nuovi metalli, classificati temporaneamente con i nomi: Ununtrio (Uut, elemento 113), Ununpentio (Uup, elemento 115)Ununseptio (Uus, elemento 117), Ununoctio (Uuo, elemento 118).

Il comitato scientifico che ha svolto lo studio lavora per alcuni tra i più prestigiosi istituti di ricerca, il Lawrence Livermore National Laboratory, con sede in California, Stati Uniti, il Joint Institute for Nuclear Research di Dubna, in Russia e l’Istituto Riken in Giappone. Nei primi due centri sono stati scoperti gli elementi 115, 117 e 118, mentre è ancora contesa la scoperta del quarto, il 113, rivendicata sia dai russi che dagli americani. Tuttavia l’elemento è stato identificato per la prima volta dai giapponesi, coordinati dal professor Kosuke Morita, che ha già annunciato di voler proseguire le ricerche verso l’elemento 119 e i successivi.tavola elementi

La tavola di Mendeleev non veniva aggiornata dal 2011, quando furono scoperti gli elementi 114 e 116. L’Iupac (Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata) è l’organismo internazionale con sede negli Stati Uniti incaricato di confermare le ricerche e di definire nomenclatura, terminologia e misurazione degli elementi scoperti.
Il Premio Nobel Ryoji Noyori, chimico giapponese di fama internazionale, ha sottolineato con entusiasmo l’importanza e la grandezza della scoperta appena fatta.
I nuovi elementi si formano per il bombardamento di nuclei leggeri di materiali radioattivi, a loro volta ottenuti per decomposizione di elementi molto pesanti. Hanno una vita brevissima, esistono solo per pochi secondi prima di decadere in altri elementi più semplici, è questo che ha reso così complessa la loro scoperta.

Primo anno scolastico

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.