Una spugna salverà il mare

L’inquinamento ambientale è un problema sempre più grande, perché al crescere del benessere e della civiltà, aumentano scarichi, rifiuti e prodotti da smaltire.

Uno di questi, tra i più inquinanti è il petrolio proprio in virtù delle sue caratteristiche. Sempre più spesso a causa del suo sfruttamento si verificano incidenti che riversano nel mare grandi quantità di questo prodotto capace di inquinare permanentemente ampie aree marine compromettendone il delicato equilibrio biologico.

eponge oleo

In molti stanno cercando una soluzione a questo difficile problema, ma forse una speranza giunge dall’Argonne National Laboratory dell’Illinois. Qui, i ricercatori hanno sviluppato una schiuma polimerica capace di assorbire il petrolio in quantità enormi, pari a 90 volte il proprio peso. Ma i vantaggi non terminano qui; infatti questa particolare schiuma, si comporta come una spugna e in una seconda fase, strizzandola, è in grado di restituire il greggio assorbito. E’ facile immaginare i vantaggi di tale sistema che consente in maniera efficace di ripulire il mare dagli idrocarburi che lo inquinano e di restituirli perfettamente riutilizzabili in una fase successiva.

3068788 slide 5 the answer to oil spills might be a sponge

Si tratta di una combinazione di sostanze plastiche, poliuretani e poliimmidi, rivestiti da un composto chimico, il silano, che è capace di attirare a sé una quantità di greggio ben specifica. Il vantaggio ulteriore, sta nella possibilità di riutilizzare questa spugna in silano per più volte. Come fanno notare i ricercatori, il comportamento del silano è perfetto in queste situazioni e migliore di altri prodotti. Una carta assorbente da cucina, non è più utilizzabile dopo il suo uso, mentre la spugna in silano può essere strizzata e riutilizzata più volte.
I ricercatori, hanno provato in una piscina per esperimenti l’uso di questa sostanza testando il valore preciso di assorbenza, quello capace di rendere il prodotto perfetto. Infatti, il silano contenuto all’interno della spugna consente di fissare in maniera precisa la quantità di greggio che può assorbire.
Al termine dei test, all’interno di apposite presse, la spugna è stata strizzata restituendo il carico di greggio.
Il prossimo passo fissato dai ricercatori, sarà il test in mare dove le condizioni sono ovviamente diverse da quelle perfette simulate in una piscina.

 

 

 

Immagini da www.un-jour-un-dechet.fr 

 

Primo anno scolastico Terzo anno scolastico Secondo anno scolastico

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.