Plastica autoriparante

Non tutti sanno che le materie plastiche (con riferimento a quelle sintetiche, ottenute dalla raffinazione del petrolio) una volta aggregate per policondensazione o polimerizzazione, ossia unite in lunghe catene di polimeri, danno vita a due tipi di sostanze denominate termoplastiche e termoindurenti.

Le prime sono quelle che, se sottoposte a calore dopo la prima lavorazione, tornano ad uno stato plastico e ad essere quindi nuovamente lavorabili (riciclabili), mentre le seconde, una volta formate, non possono più cambiare la loro forma e, se sottoposte a calore, bruciano emettendo sostanze tossiche (non riciclabili).

Questo fino ad ora. Infatti, la dottoressa Jeanette Garcia dell’Almaden Research Center di IBM ha scoperto una nuova classe di polimeri, soprannominato PHT, per un caso fortuito: durante la lavorazione di un materiale ad alta resistenza, la dottoressa ha dimenticato di aggiungere un ingrediente. Il risultato è stato qualcosa di molto diverso da quello che si aspettava. Dopo aver rotto la provetta per estrarlo, ha verificato che si trattava di un materiale praticamente indistruttibile. Da quel momento in poi una squadra di esperti è stata impegnata a lavorare sulla chimica computazionale per risalire a quale casuale percorso avesse reso possibile un tale risultato, conducendo alla creazione del nuovo materiale.

ibm polymer

Questo nuovo materiale è resistentissimo e aggiungendo nanotubi di carbonio si è riusciti ad aumentare di un ulteriore 50% la sua già alta resistenza avvicinandosi a quella dei metalli.
I vantaggi e le possibili applicazioni sono innumerevoli; è un materiale dalla resistenza simile a quella di un metallo ma pesa molto meno, è totalmente biodegradabile, resistente ai solventi, ma la cosa più incredibile è quella che viene definita auto-guarigione. Di cosa si tratta? La nuova plastica, tagliata in due, auto-ripara la sua “ferita”. Un miracolo della chimica, in pratica.


 

 

 

Immagine da www.extremetech.com 

Primo anno scolastico Video

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.