Cemento biodinamico


L'Italia in questi ultimi mesi è stata sede dell'Expo internazionale e delle realizzazioni più estrose di tutti i Paesi del mondo, grandi opere architettoniche che hanno modificato intere zone della città di Milano. Palazzo Italia, che è l'edificio rappresentativo della manifestazione e del nostro Paese nel mondo, si è distinto per la sua particolare facciata in cemento biodinamico i.active BIODYNAMIC di Italcementi.


italian pavilion

Lo studio del progetto ha richiesto oltre 12.000 ore di lavoro agli scienziati e ricercatori della Italcementi per trovare la combinazione giusta destinata a questa straordinaria malta cementizia; un team di 15 ricercatori si è impegnato nel trovare una soluzione idonea all’architettura organica progettata dallo studio Nemesi & Partners. Quest’opera è ormai conosciuta e ricordata in tutto il mondo proprio per le particolarissime caratteristiche delle sue facciate, interne ed esterne. “Una foresta pietrificata”, così è stata definita da uno dei suoi progettisti, l’architetto Susanna Tradati che insieme a Michele Molé e allo studio Nemesi & Partners, hanno trovato nei ricercatori della Italcementi il giusto completamento alla loro linea progettuale.


italian pavilion in

Il cemento biodinamico non assolve solo alle funzioni strutturali per le quali è stato progettato, ma racchiude innovazioni incredibili che potranno portare grandi benefici in futuro. È estremamente eco-friendly, infatti non contiene cromo e possiede invece straordinarie  proprietà fotocatalitiche, ottenute attraverso l’uso di un principio attivo brevettato da Italcementi, il TX Active.
Tale principio attivo presente nel materiale, se colpito dalla luce del sole o dalla luce artificiale delle lampade, assorbe alcuni inquinanti presenti nell’aria trasformandoli in sali inerti. In questo modo contribuisce a liberare l'atmosfera dallo smog.


italian pavilion back

La sua miscela è composta per l’80% da aggregati riciclati, soprattutto polveri ottenute dalla lavorazione dei marmi di Carrara, caratteristica che conferisce al materiale una maggiore brillantezza e resistenza agli agenti atmosferici rispetto alle altre malte.
Altra caratteristica importantissima è l’elevata fluidità della miscela che consente di realizzare forme complesse e anche molto sottili come quelle che possiamo vedere sulla facciata di Palazzo Italia. La fluidità contribuisce notevolmente ad un aumento della durabilità del prodotto, determina una minor presenza di porosità, e quindi un minor assorbimento di acqua e un’elevata resistenza agli agenti atmosferici, garantendo ottime prestazioni di fronte a fenomeni naturali quali gelate e forti precipitazioni. Grazie all’aggiunta di pigmenti inorganici durante la miscelazione con acqua, i.active BIODYNAMIC può essere colorato in modi differenti per ottenere soluzioni estetiche diverse.
Possiede, infine, una resistenza meccanica a compressione e flessione doppia rispetto ad ogni altro prodotto simile.


Immagini dal sito www.padiglioneitaliaexpo2015.com

Primo anno scolastico Video

  • Creato il .

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Leggi di più