S.T.A.T.I.N.A. Ogni muro sarà touch

I ricercatori della Nanyang Technological University di Singapore stanno lavorando ad un sistema in grado di trasformare qualsiasi superficie in uno schermo con capacità touch. Se questo progetto si concretizzasse renderebbe possibile, in un futuro non molto lontano, trasformare finestre, muri, tavoli o qualunque altra superficie, in elementi in grado di interagire con un computer e di interpretare i nostri segni e la nostra grafia. Dunque, non sarebbe più necessario dotarsi di superfici realizzate appositamente a tale scopo, come le Lavagne Interattive Multimediali che vengono utilizzate nelle nostre classi.

Il nome di questo sistema è S.T.A.T.I.N.A. acronimo della parole inglesi (Speech Touch and Acoustic Tangible Interfaces for Next-generation Applications) e, secondo quanto affermato dal professor Andy Khong della N.T.U., si tratta un dispositivo che usa un approccio differente rispetto a sistemi simili, come ad esempio INTEL. Infatti, quest’ultimo funziona grazie a una telecamera che monitorizza i tocchi della mano sulla superficie; S.T.A.T.I.N.A. basa invece la sua capacità interpretativa sulle vibrazioni determinate dalla pressione che dita o strumenti di diverso tipo esercitano sulle superfici interessate. Un sistema di sensori, registra le vibrazioni generate dalla pressione e trasforma queste onde in segnali che vengono interpretati dal software sul computer. Calcolando poi la differenza di tempo impiegato dalle vibrazioni per raggiungere i sensori, il sistema individua la posizione dove il tocco ha avuto luogo. In questo modo i sensori potrebbero lavorare addirittura su un’immagine proiettata sul muro.

statina
 

 

Installati su qualunque superficie, ad esempio una classica lavagna in ardesia, la trasformano in uno schermo interattivo e sensibile alla pressione. L’applicazione di questi dispositivi consentirebbe notevoli risparmi; una normale LIM ha oggi un costo piuttosto alto, senza dimenticare i necessari dispositivi touch ad essa abbinati, anch’essi decisamente costosi.

Il sistema, frutto di un finanziamento di 250.000 dollari concessi dalla National Research Foundation, è già stato testato su differenti tipi di superfici: legno, alluminio, acciaio, vetro e plastica. Ora si sta lavorando sull’inclusione di webcam per permettere ai sensori di monitorare contemporaneamente tocchi multipli.

 

 

Immagine da media.ntu.edu.sg

 

Terzo anno scolastico Secondo anno scolastico

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.