Bio-robot

Un robot è sempre un robot, fatto di parti meccaniche, di movimenti spezzati, dotati di telecamere al posto degli occhi, ma presto, questa immagine dei robot cambierà radicalmente rendendoli molto più simili agli esseri umani, dotati di muscoli, di pelle e di un corpo che assomiglia a quello di chi li ha creati.

 

 

bio robot

Questo, grazie una ricerca sviluppata all’Università di Tokyo, dove il ricercatore Shoji Takeuchi e il suo team sono riusciti a realizzare un tessuto muscolare artificiale partendo da cellule derivate dai muscoli reali. Questi bio-muscoli funzionano perfettamente come quelli reali e sono stati installati sullo scheletro di un robot a coppie antagoniste in modo da formare muscoli flessori e muscoli estensori per far compiere movimenti ad una parte fissa.

bio robot2

Il risultato è stato straordinario: i ricercatori hanno prima realizzato un’articolazione simile a un dito formata da due ossa artificiali installate l’una sull’altra in modo da poter compiere anche rotazioni e poi hanno utilizzato una miscela di idrogel contenente mioblasti, ossia cellule muscolari embrionali da cui deriva il tessuto muscolare. In questo modo hanno costruito la muscolatura sopra le due strutture ossee. Speciali guide hanno fatto in modo che le strisce di idrogel favorissero lo sviluppo della fibra muscolare nella direzione desiderata, in questo modo la struttura fibrosa ha ricoperto lo scheletro osseo crescendo e sviluppandosi in maniera corretta. I risultati sono stati incredibili perché l’articolazione ha lavorato interrottamente per oltre una settimana senza dare segni di alcun cedimento.

bio robot3

Questi muscoli, a differenza di quelli sintetici realizzati fino ad oggi, sono molto più resistenti e non perdono elasticità anche dopo un uso intensivo. Adesso lo scopo dei ricercatori e quello di accoppiare diversi gruppi di muscoli in modo da far sì che il robot possa compiere movimenti più complessi precisi e coordinati come quelli degli esseri umani.

 

A cura di Davide Emanuele Betto.

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.