BionicANT le formiche robot

Le formiche da sempre sono un esempio di organizzazione sociale e di collaborazione che le rende capaci di svolgere lavori pesanti. Quando una non riesce a spostare un oggetto o compiere un lavoro particolarmente impegnativo, chiama le altre e insieme collaborano per il completamento dell’opera. Proprio da questa loro caratteristica, da più parti nel mondo, si stanno sviluppando sistemi robotici capaci di comunicare e collaborare.

Questa branca della robotica prende il nome di robotica degli sciami. BionicANT sono dei piccoli robot dalle sembianze di una formica, progettate dall’azienda tedesca Festo, facenti parte proprio di questo settore.

 

bionicant

Queste piccole formiche robot, hanno un corpo lungo una decina di centimetri, quindi un po’ più grandi delle loro omologhe viventi ed hanno i circuiti elettronici stampati proprio sul corpo, creando un effetto esteticamente molto interessante oltre ad essere capolavori di ingegneria meccanica. Mandibole e zampe sono le parti più resistenti, realizzate in una miscela di piezoceramica, materiale compatto e leggero che si contrae quando viene sottoposto a una corrente elettrica per assicurare una forte presa. Questi minuscoli robot sono inoltre dotati di videocamera frontale e sensore ottico sotto il torace che permette loro di mappare la propria posizione e di orientarsi nello spazio e di coordinarsi con le altre formiche robot.

bionicant2

Questi, comunicano tra di loro attraverso onde radio e sono in grado di elaborare azioni individuali ma coordinate rispetto ad una strategia condivisa in modo da poter svolgere compiti che altrimenti, individualmente, sarebbero impossibili, come ad esempio spostare un oggetto molto più grande di loro. Inoltre, queste formiche una volta attivate, sono capaci di agire in assoluta autonomia e non hanno bisogno di comandi esterni ma semplicemente entrano in rapporto con le altre per creare una squadra e risolvere il lavoro.
Queste piccole operaie fanno parte di un complesso sistema di intelligenza artificiale chiamato sworm intelligence (intelligenza dello sciame), che rende capaci di unire il pensiero elaborativo individuale con quello collettivo, creando un’unica mente pensante che lavora unitamente per la massimizzazione del risultato.

 

 

Immagini da www.festo.com

A cura di Davide Emanuele Betto.

  • Creato il

S. LATTES & C. EDITORI S.p.A.©