I droni magnetici

Arriva dagli Stati Uniti ed esattamente dall’Università della Pennsylvania, l’ultima follia nel campo dei droni, ad opera di un gruppo di studiosi guidati dal ricercatore Mark Yim.

Tutti ormai sappiamo cos’è un drone; in pratica si tratta di un piccolo oggetto volante mosso da più eliche, normalmente 4, capaci di farlo sollevare verticalmente e spostarsi molto agevolmente lungo percorsi anche complessi. Questi, vengono pilotati attraverso un radiocomando, oppure come va di moda oggi, attraverso una App installata sul proprio smartphone capace di interfacciarsi con i sensori del velivolo.

 

droni magnetici

Si chiama ModQuad e non è un semplice drone, ma un insieme di piccoli droni capaci di assemblarsi e di collaborare per la realizzazione di un lavoro. Ogni drone, dalla forma quadrangolare, è dotato agli estremi, quindi sugli otto spigoli, di potenti magneti capaci, quando i sistemi sono vicini tra di loro, di agganciarli come avveniva nei cartoni animati giapponesi per i componenti del famosissimo Jeeg Robot d’Acciaio.
La connessione tra queste unità singole può creare complessi sistemi capaci di moltiplicare la forza di sollevamento di ognuno di essi.

droni magnetici2

Ogni modulo è composto da quattro rotori ed è racchiuso all’interno di una gabbia di fibra di carbonio con i magneti posti sugli spigoli, che consentono al sistema di formare complesse strutture capaci di mantenere perfettamente la stabilità di volo.

droni magnetici3

Il lavoro di progettazione e la risoluzione dei problemi non è ancora completa, ma i risultati fin qui raggiunti dal team di sviluppo, consentono di ben sperare. Le possibili applicazioni sono tante: ad esempio la possibilità di sollevare oggetti anche pesanti attraverso la collaborazione di più moduli assemblati, oppure la possibilità di raggiungere luoghi inaccessibili per un grande drone, dove poi assemblarsi e ottenere un risultato che il singolo non potrebbe ottenere da solo. Inoltre, il sistema dovrebbe garantire il proprio funzionamento anche in presenza di malfunzionamento di un elemento del gruppo.
Vedremo quali saranno le applicazioni future che questi piccoli droni magnetici potranno realizzare al completamento del loro sviluppo.

 

 

 

Immagini da www.modlabupenn.org www.grasp.upenn.edu 

Secondo anno scolastico

  • Creato il .

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Leggi di più