Bio-nervi che ridanno il tatto

La bioelettronica compie passi avanti ogni giorno, sviluppando sistemi e tecnologie in grado di migliorare la vita quotidiana. L’invenzione arriva dagli Stati Uniti, dalla Stanford University di Palo Alto, in California, dove è stata realizzata una nuova generazione di protesi dotate del senso del tatto.

I ricercatori hanno messo a punto un sistema di nervi artificiali che non sono solo capaci di avvertire il tocco, ma anche di trasferire la sensazione rilevata al sistema nervoso umano.
La sperimentazione è stata fatta su uno scarafaggio; i ricercatori, hanno impiantato un neurone artificiale proveniente dal loro dispositivo, con uno reale dislocato nella zampa dello scarafaggio. Hanno, così, potuto verificare che i segnali provenienti dalla stimolazione tattile erano realmente in grado di provocare la contrazione dell’arto.

bio nervi

Il nervo sintetico, è stato realizzato a partire da materiali flessibili, di natura biologica e sono formati da tre strati. Il più esterno, quello a contatto con l’ambiente, è dotato di molti sensori di pressione che, una volta premuti, generano un impulso elettrico che viene inviato ad un oscillatore. Questo rappresenta il secondo elemento del bio-nervo. L’oscillatore, raccoglie questi segnali e li trasforma in una sequenza di impulsi che vengono trasmessi a un transistor sinaptico che li elabora e li traduce in informazioni leggibili dal nostro sistema nervoso.
Questo impianto ha consentito di realizzare un tessuto capace di registrare il passaggio della corrente in entrambe le direzioni e di interpretare le informazioni che stanno arrivando; è persino in grado di identificare i caratteri Braille. I vantaggi non terminano qui; infatti, il costo di queste protesi di nuova generazione è relativamente basso e questo potrebbe consentire ai portatori di riacquistare il senso del tatto e maggiore controllo delle parti artificiali. In base al numero e tipo di sensori, la persona potrebbe riacquistare il senso della posizione, della pressione, del freddo e del caldo.
Zhean Bao, la scienziata a capo del team di ricerca, ha affermato che questo tipo di protesi potrebbe anche essere utilizzata in robot di nuova generazione capaci di sentire gli oggetti che toccano e adattare la propria azione alle situazioni e agli ambienti diversi in cui operano.

 

Immagini da www.tecnomedicina.it www.notiziecontrocorrente.it 

 

A cura di Davide Emanuele Betto.

 

 

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.