L'eccellenza robotica italiana

In ambito robotico, l’Italia si colloca ai primi posti nel mondo, soprattutto la regione Toscana grazie ad una programmazione oculata e ad un know-how di altissimo livello. Uno degli ambiti in cui l’Italia eccelle è proprio quello della robotica applicata alla medicina soprattutto all’ambito chirurgico.

Già dal 1999 sono stati eseguiti oltre 4 milioni di operazioni chirurgiche utilizzando robot, con un incremento costante anno dopo anno. Sono fra 12.000 e 15.000 gli interventi di chirurgia robotica svolti annualmente di cui, come dicevamo, oltre 3000 nella sola regione Toscana. Il nostro paese si attesta così al terzo posto a livello mondiale per interventi chirurgici robotizzati dopo gli Stati Uniti e la Francia.

 

eccellenza robotica

Che la Toscana sia una regione d’eccellenza da questo punto di vista è ribadito con enfasi dalla professoressa Franca Melfi, associata presso il DAM, Dipartimento di Patologia Chirurgica, Medica, Molecolare e dell’Area Critica dell’Università di Pisa. La Melfi è anche direttrice del Centro Multispecialistico di Chirurgia Robotica dell'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana. La ricercatrice e studiosa, al Festival Internazionale della Robotica svolto a Pisa, ha precisato come dei 4.000 sistemi robotici chirurgici al mondo, 600 sono in Europa e 84 in Italia. La cosa importante che la dottoressa ha voluto precisare è che la Toscana si differenzia dalle altre regioni italiane ed eccelle, perché mentre nelle altre regioni l’utilizzo di sistemi robotici è stato svolto prevalentemente in ambito privato, in questa regione del centro Italia invece, si è creato un unico polo che coordina 11 sistemi robotici sparsi sul territorio in maniera tale da avere omogeneità sull’utilizzo delle macchine e garantendo un servizio di alto livello e uniforme a tutta la popolazione regionale.

 

eccellenza robotica2

Se la professoressa Melfi nelle sale operatorie è la mente, il braccio, anzi le quattro braccia, sono quelle dei robot provenienti dagli Stati Uniti, chiamati “da Vinci”, in onore del nostro grande genio. Ognuna delle quattro braccia è dotata di una mano, utilizzate, una per il bisturi, l’altra per l’ago e il filo, la terza per la manovra delle forbici e l’ultima gestisce una lampada per illuminare il punto esatto dell’intervento. Nell’angolo di ognuna delle tre sale operatorie robotizzate, lontano dal tavolo operatorio, è presente una consolle con i comandi per il robot su uno schermo tridimensionale della grandezza e forma di occhiali 3D e, più in basso, due arti metallici snodabili dove il chirurgo da seduto, inserisci le proprie mani per azionare il robot che agirà direttamente sul paziente.

 

A cura di Davide Emanuele Betto.

  • Creato il

L' autore

I contenuti sono a cura di Davide Emanuele Betto, architetto e docente di tecnologia presso la S. S. I “Dante Alighieri” di Catania. Il professor Betto è formatore ed esaminatore EIPASS, e webmaster del sito didattico di Tecnologia educazionetecnica.dantect.it. Ha collaborato alla stesura delle ultime edizioni dei libri di tecnologia.

La casa editrice

Lattes Editori pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Il catalogo offre agli insegnanti e agli studenti titoli sempre aggiornati sull’attività didattica e sulle nuove piattaforme multimediali per la scuola. Un impegno costante per la scuola digitale con particolare attenzione alla didattica inclusiva.
Via Confienza 6 - Torino TO - Tel: 011 562 5335 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright 2019 S. Lattes & C. Editori S.p.A.